Poltrone Massimo Martellini confermato, all’unanimità, alla presidenza della FCP anche per il prossimo biennio

21 luglio 2017

DailyMedia 21/07/2017

Massimo Martellini è stato confermato presidente della Federazione Concessionarie Pubblicità anche per il prossimo biennio. La nomina è stata rinnovata dall’assemblea generale della Federazione, che lo ha votato all’unanimità. Si tratta del quarto mandato per il manager che, negli scorsi anni, ha guidato l’organismo lungo un percorso di rinnovamento e ampliamento delle sue competenze, grazie all’ingresso del settore cinema con FCP-Associnema, affidato alla presidenza di Fabio Poli (Movie Media) e delle tv in mobilità con FCP-Assogotv, guidata da Angelo Sajeva (Class Pubblicità), oltre alla nomina di Luigi Colombo (all’epoca, di Publitalia) a presidente di FCPAssotv. «L’obiettivo – commenta Martellini a DailyMedia – è essere sempre più presenti sul mercato per svolgere una funzione di supporto completa a favore suo e della industry. In questo senso si inquadrano le collaborazioni con altre associazioni, come ad esempio quella recente con UPA per la realizzazione del “Libro Bianco” del digitale e la continua evoluzione dell’area web, affidata al vice direttore generale di Publitalia, Giorgio Galantis». Sempre in questi anni, sono entrate nuove concessionarie, e la Federazione si trova coinvolta in una serie di tavoli istituzionali, tra cui quello dedicato alla pubblicità legale e quello che ha portato alla legge sulla defiscalizzazione degli investimenti aggiuntivi sul mezzo stampa. A fine maggio, FCP ha collaborato anche alla gestione dell’evento “Radiocompass”, ideato da Mindshare a supporto del mercato pubblicitario sulla radio. Fondata nel 1951, la Federazione riunisce cinquanta tra le principali concessionarie italiane, rappresentate dagli organismi per singolo mezzo: FCP-Assoquotidiani, FCP-Assoperiodici, FCP-Assotv, FCP-Assoradio, FCP-Assointernet, FCP-Associnema e FCP-Assogotv. «L’impegno dei prossimi due anni – conclude Martellini – è di aprirsi all’internazionale, avviando relazioni con organizzazioni analoghe alla nostra in ambito europeo per confrontarci sulle necessità del mercato pubblicitario».